Crea sito

Sabato 15 dicembre alle ore 21, presso la basilica di S.M. Assunta in Carignano, il coro dell’Associazione culturale “Voci di due Paesi”, in collaborazione con l’Orchestra della Cappella Musicale Sauliana e sotto la direzione del M° Fabrizio Callai ha presentato il celebre Te Deum di M.A. Charpentier (1634-1704), uno dei più grandi compositori francesi del periodo barocco, il cui “Prelude” è noto a tutti in quanto adottato come sigla di apertura e chiusura per le trasmissioni televisive in eurovisione. Questa imponente composizione alterna a pagine corali di grande impatto momenti affidati ai “Soli” di assoluta bellezza e raffinatezza. Il testo sacro, che ben si accorda al clima del Concerto di Natale, è declamato in modo sempre convincente e coinvolgente. Ha fatto da introduzione alla serata l’esecuzione del Concerto in Re Maggiore per Clavicembalo e Orchestra, in tre tempi, di J. S. Bach, autore che non ha bisogno di presentazioni. Ha chiuso il concerto la tradizionale serie dei canti di Natale, cui hanno partecipato anche quest’anno i ragazzi della Scuola Germanica, e anche il pubblico si è unito al coro con entusiasmo. Cornice della serata, come sempre, la maestosa Basilica di Carignano, sede ormai da anni del Concerto di Natale.

Altre foto sono visibili a questo indirizzo:

http://www.dsgenua.de/immagini/Fotogalerien/WeihnachtskonzertVoci2012/index.html

I solisti durante il concerto

Il maestro Fabrizio Callai al clavicembalo

Il coro durante il concerto

Il coro durante il concerto

____________________________________________________________________________________

Purtroppo quest’anno il Coro “Voci di due Paesi” ha perso un suo caro amico e sostenitore, Mons. Ruggero dalla Mutta, grande appassionato di musica, che ospitava sempre con grande entusiasmo i nostri concerti nella “sua” Basilica di Carignano. Mons. Dalla Mutta è stato anche per molti anni insegnante di Religione della Scuola Germanica e Cappellano della Comunità Cattolica di lingua tedesca di Genova. Sabato 26 maggio il Coro ha voluto ricordarlo con la musica, dedicandogli un concerto a un mese dalla sua scomparsa. Con la raffinata “Via Crucis” di F. Liszt per coro, soli e pianoforte e l’emozionante “Requiem” di G. Puccini, per coro, harmonium e viola, i coristi e il Maestro Fabrizio Callai hanno saputo esprimere più che con mille parole i loro sentimenti di stima e di riconoscenza. Hanno completato il programma della serata il “Cantique de Jean Racine” di Gabriel Fauré e altri due brani di G. Fauré, “Pie Jesu” e “En prière”, eseguiti dalla soprano Paola Gronda.